Le scriventi OO.SS. preso atto di quanto comunicato dal direttore dell’Ufficio della Sicurezza e delle Traduzuioni con nota n. 39917-I^ senza data del settembre 2019 e nota n. 3939-I^ del 30 settembre 2019, pur condividendo l’indizione dell’interpello regionale di cui all’art. 2 del decreto n. 120 del 14 maggio 2019, con la presente, rappresentano il proprio dissenso ad accettare un piano di mobilità proposto unilateralmente del personale di Polizia Penitenziaria da assegnare ai NN.TT.PP. nel distretto, cosi come prospettato nella nota 39917.

Di conseguenza, vista l’assenza temporanea del provveditore regionale, si sottlinea che l’assegnazione del personale ai nuclei, dovrà avvenire mediante il rispetto del decreto 120 e con la prevista contrattazione di cui all’art. 3 del citato decreto del 14 maggio 2019.

In ragione di quanto sopra, invitiano codesto PRAP a convocare le scriventi OO.SS. per la definizione di quanto in oggetto quanto prima possibile.

Inoltre, le chiediamo la ritrasmissione della tabella di equiparazione aggiornata alla data odierna, essendo quella trasmessa errata.

Si chiede in ultimo la trasmissione del bando di interpello diramato alle direzioni penitenziaria del distretto Toscana-Umbria.

In attesa di urgente riscontro ringraziano della gentile attenzione. Distinti saluti