AGGIORNAMENTO: IN ALLEGATO IL RISCONTRO DEL PRAP E DELLA UIL !!!

 

Gentile Provveditore, premettiamo ancora una volta, se ve ne sia necessità, che la scrivente

Organizzazione Sindacale ritiene questo progetto condivisibile e utile al buon andamento della

gestione di governo del personale.

Detto ciò, prendiamo atto della sua nota 33387 del 12.07.2018 e francamente non cogliamo

che la mobilità dei soggetti, sia scaturita su input dalla della direzione generale del personale e

delle risorse, avendo essa invece espresso che il focal point venga “assicurato dai referenti del

progetto incardinato presso il PRAP Toscana Umbria”.

Di conseguenza, riteniamo illegittimo l’utilizzo e l’impiego presso il PRAP Toscana-Umbria di

ulteriori risorse umane, sottratte nuovamente dagli istituti penitenziari del distretto, allorquando la

medesima

CAR del 24.10.2017 si è già espressa riconoscendo la violazione e la conseguenza illegittimità (ODS 18 del 21.07.2017) circa la mobilità del personale di cui all’art 9 PIL del 06.07.2015, oggi nuovamente riproposto in altra veste.

Inoltre, le rammentiamo gli impegni disattesi sulla materia, di cui alle note PRAP 471-I^ del 04.01.2018 e 815-I^ del 08.01.2018 proprio sull’argomento, che nonostante l’asserita sua sensibilità in questi mesi ha inteso emanare; Quali creazioni di uffici periferici con annessi orari e impiego, in violazione a tutte le regole contrattuali, distogliendo, di fatto, i dipendenti dai propri compiti e incarichi.

Come più volte asserito, il servizio può essere svolto anche in modalità remota, ovviamente nell’ambito della propria attività lavorativa, senza creare artificiosamente posti di funzione.

Come detto nella nostra nota 150, il funzionamento di predetto sistema informatico,compreso l’help desk, deve trovare necessariamente una sua definitiva decisione nell’ambito dellerisorse umane (47 unità) destinate dall’amministrazione centrale al PRAP Toscana Umbria, anche nell’ambito delle risorse Servizio Informatico Regionale comparto ministeri.

Attendiamo una sua diversa valutazione sulla questione, prima che la vertenza debba trovare soluzioni fuori dalla normale corrispondenza sindacale.

In attesa si porgono Cordiali Saluti.

 

 

 

La scrivente Organizzazione Sindacale, la invita a dare urgenti e dettagliate informazioni e spiegazioni, nonché trasmettere le disposizioni dipartimentali, circa l’utilizzoe l’impiego presso il PRAP Toscana-Umbria di risorse umane, sottratte dagli istitutipenitenziari di Prato, Volterra, Livorno e Firenze disposte con la nota PRAP 30927.I^ del 28.06.2018 per mesi due, per garantire l’organizzazione del servizio in oggetto.

Superfluo è rammentarle in primis l’inopportunità dell’utilizzo di predette risorse nel periodo estivo, che inevitabilmente produrranno problemi organizzativi nelle strutture, come è pleonastico menzionale quanto deliberato dalla CAR il 24.10.2017 proprio sulla materia di assegnazione, anche temporaneo presso gli uffici del PRAP Toscana di unità di polizia penitenziaria.

La questione della gestione di impiego e di funzionalità di predetto sistema informatico, compreso l’help desk, deve trovare necessariamente una sua definitiva deliberazione che non può essere quella finora utilizzata ispirata ambiguamente e sfuggente a qualsiasi regola contrattuale e di carico di lavoro nonché di orari di servizio e di lavoro dei dipendenti incardinati.

In attesa si porgono Cordiali Saluti.