Gentilissimo Direttore,
questa Organizzazione Sindacale, in data odierna prende atto della pubblicazione del nuovo

interpello interno riservato al personale di Polizia Penitenziaria per l’anno 2019 cosi come da sua nota n° 24764/1.6.

In realtà già diversi mesi fà, nostra nota n°1 del 15/01/2019, questa O.S. aveva chiesto, soprattutto dopo l’arrivo di personale di Polizia Penitenziaria nella struttura dal Lei diretta, di provvedere all’inserimento di personale legittimamente posto in graduatoria in quelle unità operative che fino ad allora risultavano essere in maggiore sofferenza.

Ciò detto Ella come ormai sua prassi, ha inteso non ascoltare le nostre richieste anche forse per il fatto che quando non è presente nella struttura, sembra come se tutto rimanga congelato e purtroppo anche in considerazione delle sue numerose assenze, ovviamente per altri imminenti compiti lavorativi, tutti gli accordi precedentemente concordati rimangono disattesi senza attuazione.

Vogliamo altresì ricordarle, che forse lei sconosce il fatto che alcuni operatori legittimamente posti in graduatoria per l’interpello interno anno 2018 già risultano essere stati convocati dalla segreteria Polizia Penitenziaria della sua struttura e che già hanno accettato il loro nuovo incarico.

D'altronde anche in data odierna Ella ci ha comunicato altri inserimenti di personale solo in alcune unità operative e non in tutte quelle bisognose, quasi a far capire che decide unilateralmente cosa fare e quando farlo, nonostante ci siano settori davvero sofferenti che da mesi chiedono il personale che congiuntamente abbiamo determinato e concordato con l’accordo sulle UU.OO.

E davvero paradossale vedere che nonostante siano arrivate ad inizio estate n° 47 unità di Polizia Penitenziaria, la sala convegno e sistematicamente chiusa il pomeriggio, per mancato inserimento del personale legittimamente vincitore di interpello, dimostrando cosi una scarsa propensione a quello che è il benessere del personale presente nella struttura.

In virtù di quanto detto la invitiamo a sospendere provvisoriamente l’interpello interno in oggetto, inserire il personale già convocato, e solo successivamente, avendo cosi anche una reale situazione delle varie unità operative, pubblicare quanto Ella ha inteso fare in data odierna in maniera affrettata, quasi a presagire un nuovo periodo di congelamento.

In attesa di urgente riscontro si porgono distinti saluti.