Egregio Direttore,

la scrivente Organizzazione Sindacale vuole portare alla sua attenzione la problematica legata alla somministrazione della terapia citata nell’oggetto ai detenuti ristretti ai Reparti “Giallo” e “Verde”.

Attualmente, la distribuzione avviene non prima delle ore 12:00, concentrandosi nell’arco temporale in cui il personale di Polizia Penitenziaria si alterna per la fruizione del servizio M.O.S.

Il disagio cagionato all’addetto alla sezione è facilmente intuibile, ma è opportuno comunque evidenziarne la consistenza. Allo stato dei fatti, l’agente, oltreché provvedere alla disciplinata vigilanza della sezione, deve assicurare la sorveglianza dei detenuti che usufruiscono della terapia. Se a ciò si aggiunge, come spesso accade, l’ingresso nella sezione delle figure professionali dell’area educativo – pedagogica, assistenti volontari ecc. ecc., per l’espletamento delle loro funzioni, l’agente in servizio si imbatte in una serie di fattori che, considerando il calo del livello di attenzione a cui viene portato, interferisce con l’ordine e la sicurezza, di conseguenza con l’incolumità personale.

Alla luce di quanto esposto, fatta anche un’analisi dell’articolazione delle attività detentive, sollecitiamo codesta Direzione di sensibilizzare l’area sanitaria affinché la distribuzione del farmaco in tema venga anticipata alle ore 08:00, ovvero immediatamente dopo la conclusione della procedura della conta mattutina dei detenuti, in modo che la presenza concomitante di più unità di Polizia Penitenziaria possa rendere più sicure le condizioni lavorative.

In attesa di un cortese urgente riscontro, si inviano distinti saluti.

Allegati:
Scarica questo file (Nota 15-09.19.pdf)Nota 15-09.19.pdf[ ]415 kB